CooperazioneMedio OrientePolitica esteraPrimo PianoTerrorismoUEU

Crosetto: ‘Valutiamo l’invio anche di aerei nel mar Rosso’

Nella missione Ue Aspides, oltre ad una nave per 12 mesi

(Ansa) Nella nuova missione europea Aspides nel mar Rosso “ci sarà almeno una nave italiana per 12 mesi e valutiamo anche l’invio di assetti aerei con compiti di sorveglianza e raccolta dati”.

Così il ministro della Difesa, Guido Crosetto, in audizione alle commissioni Difesa di Camera e Senato.

Il quartier generale della missione europea Aspides nel mar Rosso sarà probabilmente in Grecia, a Larissa. Così il ministro della Difesa, Guido Crosetto.

Negli ultimi 2 mesi sono stati perpetrati più di trenta di attacchi da parte degli Houthi. Il ministro ha ricordato che l’Italia è già presente con assetti navali e personale in 3 missioni internazionali nell’area: Atalanta (Ue), Emasoh (europea a guida francese) e la Task Force 53 della Combined maritime forces (a guida Usa) . Attualmente è la fregata Martinengo ad fornire “un ombrello di protezione al naviglio nazionale”. Aspides, ha spiegato Crosetto, “dovrebbe agire nel Mar Rosso e parte del Golfo Persico, inglobando, in qualche modo, l’altra operazione europea Emasoh ed auspichiamo possa prevedere la partecipazione di Paesi arabi moderati che volessero unirsi a questo sforzo collettivo di sicurezza ed anche dell’India”. L’operazione, ha proseguito il ministro, “punta a creare un meccanismo di deterrenza per difendere il traffico marittimo in tutta l’area, fino a Suez.

Gli assetti europei di previsto impiego per l’operazione comprenderanno, per ora, un minimo di tre unità navali, supporto intelligence e logistico, capacità di Early Warning aereo, protezione cyber, supporto satellitare e comunicazione strategica in supporto alla cosiddetta Information Warfare”. L’Italia, ha evidenziato, “come anche la Francia e la Grecia, ha dato la sua disponibilità iniziale anche ad ospitare il Comando operativo o, in alternativa, ad assumere la responsabilità del comando tattico della forza europea da bordo di una nostra nave, nell’ottica di dare pratico impulso all’operazione, se questo si rendesse necessario”.

 

fonte: Ansa

Lascia un commento