AnimaliCronacaCuriosità

Deve essere operato ma non vuole lasciare i cani: Napoli si mobilita per il clochard

Le istituzioni e le associazioni sono accorse in aiuto del senzatetto per prendersi cura dei suoi tre cani

NAPOLI – Daniele è un senza fissa dimora che vive da anni a Napoli e sta attraversando un momento delicato perché deve sottoporsi a un’operazione chirurgica. L’intervento è in programma il 4 aprile all’Ospedale del Mare, ma il 48enne aveva finora sempre rimandato per non lasciare da soli i tre cani che vivono con lui e con i quali ha un rapporto simbiotico. A raccontare la sua storia è la consigliera regionale di Demos-Europa Verde in Campania, Roberta Gaeta, che si è subito attivata per consentire a Daniele e ai suoi cani di essere presi temporaneamente in carico e risolvere una situazione che si protraeva da tempo.

“La storia di Daniele dimostra come Napoli possa essere un esempio di sinergia tra diverse istituzioni, mondo delle associazioni di volontariato e animaliste e società civile per risolvere situazioni complicate e dare risposte efficaci e concrete ai cittadini”, dice Gaeta, che spiega: “Venuta a conoscenza della situazione, che mi è stata segnalata dallo storico volontario Luigi Carrozzo, mi sono attivata e ho immediatamente interessato il sindaco di Napoli, che si è reso subito disponibile. Ho contattato i vari servizi, tra cui quello di Tutela della salute e Inclusione sociale, le Unità mobili del Comune e l’Asl. Grazie al contributo di tutti, stamattina due dei tre cani sono stati accompagnati alla ‘Collina di Argo’, il canile municipale del Comune, mentre l’altro è stato affidato a un’amica di Daniele. Lui ha potuto seguire le operazioni fino al momento in cui gli animali sono stati presi in carico dalla struttura del Comune e ora potrà affrontare questo intervento chirurgico con maggiore serenità“. “Questo lavoro – conclude Gaeta -, svolto in perfetta sinergia, contribuisce anche a rafforzare la fiducia dei cittadini nell’operato delle istituzioni“.

 

 

fonte: Agenzia DIRE www.dire.it

Lascia un commento