GuerraMedio OrienteUSAViolenzaVittime

Gli Usa bombardano le milizie filo-Iran in Iraq e Giordania

AGI – Cinque giorni dopo l’attacco di droni in Giordania che ha ucciso tre soldati americani e ne ha ferito altri 40, gli Stati Uniti hanno lanciato l’offensiva di rappresaglia contro le milizie filo-iraniane in Iraq e Siria. Una pioggia di missili, lanciati da caccia e bombardieri alcuni arrivati dagli Usa, su decine di obiettivi. I bombardamenti sono cominciati nella tarda serata italiana e sono durati mezz’ora, durante la quale sono stati colpiti 85 obiettivi e strutture legate ai Pasdaran e alle milizie filo-Teheran: tre dei siti colpiti erano in Iraq, quattro in Siria. “Oggi è cominciata la nostra risposta”, ha fatto sapere poco dopo il presidente, Joe Biden che poche ore prima, presso la base aerea di Dover nel Delaware, insieme alla moglie Jill e ai vertici della Difesa aveva assistito al rientro delle salme dei soldati Usa. “Continuerà nel momento e nel luogo prescelti. Gli Stati Uniti non sono alla ricerca di guerre in Medio Oriente o in nessun altra parte del mondo. Ma che sappiano tutti coloro che potrebbero farci del male: se farete del male agli americani, noi risponderemo”.

Il dolore di due donne per le devastazioni in Medio Oriente
Mohammed ABED / AFP – Il dolore di due donne per le devastazioni in Medio Oriente

Secondo il Pentagono, tra gli obiettivi attaccati ci sono centri operativi, di intelligence, arsenali di razzi e missili, magazzini di droni e strutture logistiche legate ai vari attacchi che i gruppi filo-iraniani hanno commesso nelle ultime settimane contro le forze statunitensi. Dalle prime notizie in loco, sembra che siano morti almeno 18 membri di queste milizie. Le azioni si sono concentrate nell’area di Al Mayadin, considerata la ‘capitale iraniana’ in Siria, e nel distretto di Al Bukamal, al confine con l’Iraq e importante via di rifornimento. Secondo il Comando Centrale degli Stati Uniti, gli attacchi hanno utilizzato “più di 125 munizioni di precisione” e sono stati lanciati da numerosi aerei, compresi i bombardieri B-1 a lungo raggio decollati dalle basi negli Stati Uniti. Sebbene stiano ancora “valutando” gli effetti dei bombardamenti, le autorità americane hanno assicurato che gli attacchi hanno avuto “successo” e hanno colpito con precisioni obiettivi militari in entrambi i Paesi.

fonte: AGI

Lascia un commento