MedicinaMondoSalute

Il Canada ha sospeso il suicidio assistito per i malati di mente

Un rapporto pubblicato lunedì e realizzato da una commissione speciale di deputati e senatori ha concluso che il sistema, creato nel 2016, non è pronto per essere esteso ad altri casi. Il rapporto rileva che non ci sono abbastanza professionisti per valutare i pazienti con malattie mentali e assisterli nel suicidio. Prima che il rapporto fosse pubblicato, due dei maggiori gruppi di opposizione, il Partito conservatore e il Partito socialdemocratico della Nuova Democrazia (NPD), avevano chiesto una sospensione a tempo indeterminato dell’espansione del suicidio assistito per le persone con malattie mentali.
Il suicidio assistito, un processo attraverso il quale le persone affette da malattie possono ricevere aiuto da un medico per porre fine alla propria vita, è stato approvato nel 2016 in Canada per quelle persone la cui morte era prevedibile. Ma nel settembre 2019, la Corte Superiore del Quebec, su richiesta di due persone affette da malattie incurabili ma non terminali, ha stabilito che era incostituzionale limitare il suicidio assistito ai pazienti la cui morte era prevedibile. Per questo, la sentenza del Quebec aveva costretto i legislatori canadesi a considerare l’estensione del suicidio assistito alle persone con malattie mentali.

Lascia un commento