GuerraMediazioneMedio OrientePolitica estera

Tajani vola a Beirut e incontra Herzog. La richiesta del governo italiano “tutelare i civili palestinesi”

L’incontro ha dato il via alla missione del vice presidente del Consiglio e ministro degli Esteri in Israele

AGI – Il ministro degli Esteri, Antonio Tajani, ha incontrato il presidente israeliano Isaac Herzog a Gerusalemme. L’incontro, secondo quanto si è appreso, è durato 35 minuti.

L’incontro con Herzog ha dato il via alla missione del vice presidente del Consiglio e ministro degli Esteri in Israele.

Nel corso dell’incontro Tajani ha espresso ancora una volta la sua indignazione per l’attacco di Hamas del 7 ottobre alla popolazione civile israeliana attorno a Gaza e ha confermato la richiesta del governo italiano a quello israeliano di tutelare in ogni modo le vite dei civili palestinesi durante le operazioni militari.

ADV

“Sosteniamo con forza le azioni del governo israeliano contro le organizzazioni terroristiche e parallelamente vogliamo affrontare con i nostri amici israeliani la preparazione per un ritorno al confronto politico e diplomatico” ha detto Tajani, “Dopo le operazioni militari a Gaza bisognerà individuare immediatamente un percorso politico per evitare che gli attuali scontri possano ripetersi e allargarsi ad altri conflitti nella regione. Ma bisognerà anche avviare il percorso politico che inevitabilmente dovrà portare a una formula indirizzata alla soluzione del ‘due popoli, due Stati'”.

Immagine

Tra gli argomenti affrontati con il capo dello Stato israeliano, il ministro Tajani ha evocato la necessità della tutela dei cristiani, sia dei pochi rimasti a Gaza sia dei cittadini arabi cristiani presenti in Cisgiordania. In Israele Tajani incontrerà anche il Primo Ministro Netanyahu, il ministro degli Esteri Israel Katz e, primo membro di governo italiano a incontrarlo, il membro del “gabinetto di guerra” Benny Gantz.

Immagine Immagine

Tajani, si apprende, ha annunciato che confronterà le idee e le richieste ricevute ieri a Beirut dal governo libanese con la dirigenza israeliana: “Nel Sud Libano è importante mantenere una distanza di sicurezza fra l’esercito di Israele e le formazioni militari di Hezbollah; il negoziato deve procedere nonostante questa fase di guerra a Gaza, vogliamo dare un messaggio a tutte le parti coinvolte in questo scenario: non c’è alternativa un percorso di pace, da avviare immediatamente”.

Immagine Immagine

Fonte: AGI

Lascia un commento