GiustiziaUSA

Trump ha 6 giorni per trovare 454 milioni

di Massimo BASILE

AGI – Gli avvocati di Donald Trump chiederanno alla Corte suprema statale di New York di congelare il pagamento della multa, più interessi, da 454 milioni di dollari che il tycoon deve allo Stato dopo aver perso la causa per frode fiscale e finanziaria. Trump, assieme ai tre figli adulti e alla sua compagnia, la Trump Organization, è stato ritenuto colpevole di aver gonfiato per anni il valore degli asset per ottenere prestiti per centinaia di milioni a condizioni vantaggiose. Trump ha sei giorni di tempo per evitare conseguenze peggiori. Se entro la scadenza fissata al 25 marzo il tycoon non sarà riuscito a bloccare l’esecuzione della sentenza o a rastrellare i soldi necessari, vedrà partire il pignoramento di alcune sue proprietà da parte della procura di New York.

Gli avvocati avevano chiesto di poter pagare meno di un terzo, circa 100 milioni di dollari, sostenendo come il pagamento dell’intera cifra avrebbe provocato un “danno irreparabile” al tycoon. Escludendo l’ipotesi più suggestiva, cioè l’intervento di uno dei ricchi donatori della sua campagna elettorale, e quella di utilizzare i fondi della campagna, cosa vietata dalle leggi federali, un’altra ipotesi potrebbe essere dichiarare la bancarotta, cosa che congelerebbe il pagamento. Ma questa scelta appare improbabile: nell’anno delle elezioni presidenziali Trump, che ha fatto del successo personale il cavallo di battaglia nel 2016, si presenterebbe come un uomo d’affari in bancarotta.

Lascia un commento