CelebrazioniGovernoPolitica

Cerimonia Solenne a Basovizza: Giorgia Meloni e Antonio Tajani Rendono Omaggio alle Vittime delle Foibe

Una giornata di commemorazione e riflessione per onorare la memoria delle vittime e mantenere viva la storia

Nella suggestiva cornice del monumento dedicato alle vittime della foiba di Basovizza, situato nelle vicinanze di Trieste, si è svolta una cerimonia solenne che ha visto la partecipazione della presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, e del vicepremier Antonio Tajani. La cerimonia è stata un momento di profonda riflessione e commemorazione per onorare la memoria di coloro che hanno perso la vita durante la tragedia delle foibe e l’esodo dall’Istria, da Fiume e dalla Dalmazia.

Giorgia Meloni, nel suo toccante intervento, ha sottolineato l’importanza di ricordare e commemorare le vittime delle foibe, rompendo il silenzio che ha avvolto per decenni questa tragedia. Ha condiviso il suo personale legame con Basovizza, ricordando le sue visite passate al monumento e l’emozione che ogni volta ha portato via con sé. Meloni ha citato le parole di Giuseppe Mazzini, sottolineando che coloro che hanno difeso e costruito la patria sono parte della famiglia nazionale, e che i loro ricordi e le loro storie sono patrimonio di tutti gli italiani.

La presidente del Consiglio ha espresso il suo pensiero nel Giorno del Ricordo, dedicando un omaggio speciale ai Martiri delle Foibe e agli esuli di Istria, Fiume e Dalmazia. Ha sottolineato l’importanza di onorare la memoria di coloro che hanno subito orrori disumani durante questo tragico periodo della storia italiana e ha promesso che l’Italia non dimenticherà mai il dolore e il sacrificio di coloro che hanno dovuto abbandonare le proprie case e terre per amore del proprio Paese.

Giorgia Meloni ha concluso la cerimonia partecipando all’inaugurazione del “Treno del Ricordo” presso la stazione centrale, binario 1, continuando così a celebrare il Giorno del Ricordo e a mantenere viva la memoria di questa pagina fondamentale della storia italiana. La cerimonia a Basovizza è stata un momento di profonda commozione e di impegno per assicurare che le vittime delle foibe non vengano mai dimenticate e che la storia non sia mai distorta o cancellata.

In mattinata era stato diffuso anche un suo messaggio social:

«10 febbraio, nel Giorno del Ricordo il mio pensiero va ai Martiri delle Foibe e agli esuli di Istria, Fiume e Dalmazia. L’Italia onora la memoria di chi fu vittima di quegli orrori disumani e non dimentica il dolore patito da chi fu costretto ad abbandonare la propria casa e la propria terra per amore dell’Italia».

 

 

Lascia un commento