Ecclesia

In cammino verso la Pasqua… L’Arcivescovo incontra i giornalisti

Un pensiero rivolto ancora una volta alla guerra, al terremoto in terra siriana e turca e al senso del “camminare insieme”, quello rivolto dall’arcivescovo Leonardo D’Ascenzo a tutti i giornalisti in occasione dell’incontro di scambio degli auguri pasquali.

L’incontro, che si è tenuto questo pomeriggio nella Curia arcivescovile a Trani, ha portato l’Arcivescovo a riflettere sul mistero Pasquale e a riprendere anche le parole del messaggio del Papa a inizio Quaresima, dove faceva riferimento a compiere un cammino, un cammino difficile, come quello della vita, prendendo esempio dagli apostoli Pietro, Giacomo e Giovanni, invitati da Gesù ad accompagnarlo sul Monte Tabor (luogo della trasfigurazione).

L’esperienza della vita e l’esperienza del mistero Pasquale, devono renderci consapevoli di un “camminare insieme”, con un cuore disarmato e pacificato, accogliendo il prossimo e condurci a salire con forza il monte, affrontando la vita, per arrivare in vetta e effettuando una vera e propria esperienza di cambiamento, abbandonando il peso del “si è sempre fatto così”.

Il Vescovo della diocesi di Trani-Barletta-Bissceglie, ha colto l’occasione per ricordare i vari appuntamenti della Settimana Santa e della Pasqua, sottolineando proprio la grande novità del suo voler celebrare tutti i riti non in un unico luogo, ma assicurando la presenza in tutte le città della diocesi, un cammino già iniziato nelle varie città diocesane dalla domenica delle Palme e che continuerà per tutta la Settimana Santa. Un cammino significativo, una vera e propria “corsa” o “maratona”, come la ha definita l’Arcivescovo, quella che vivrà il Venerdì Santo, passando da una città all’altra per le varie processioni (Trani, Bisceglie, le due di Barletta) o per l’azione liturgica (Margherita di Savoia). Importante anche sottolineare il volere dell’Arcivescovo di portare il messaggio della gioia pasquale in quei contesti di vita dove c’è molta fragilità e c’è bisogno di vicinanza, come ad esempio nelle case di reclusione, dove sarà presente giovedì e domenica, rispettivamente nel carcere femminile e maschile o nelle Rsa, dove assicurerà la sua presenza agli anziani del “Oasi di Nazareth” a Corato, un qualcosa di abbastanza significativo, che l’Arcivescovo Leonardo ha de sempre fatto da quando è giunto in Diocesi.

Significativo ricordare anche una presenza straordinaria, quella di una Croce “speciale”, poiché realizzata da alcuni resti della barca di legno naufragata a Cutro. La presenza di questo simbolo così importante e significativo, che fa memoria di un disastro avvenuto nel mare “Nostrum” però, sarà solo per il giovedì Santo, durante la messa Crismale che si svolgerà a Bisceglie e non nella Cattedrale di Trani (ancora coinvolta nei lavori di restauro).

Buona Settimana Santa e buon “cammino” a tutti!

Cliccare qui per prendere visione della dichiarazione video rilasciata dall’Arcivescovo Leonardo D’Ascenzo

 

Savio Rociola

 

Lascia un commento