Sport

Open ATP Barletta, semifinali singolo e grande vittoria italiana nel doppio

Continuano le giornate ricche di tennis nella Città della Disfida, colpi di racchetta, uno dopo l’altro che hanno portato ad un Sabato Santo ricco di semifinali del singolo maschile e della finale del doppio. L’ Italia, presente in finale doppio, e alle semifinali del singolo, riuscirà ad arrivare alla vittoria per portar alta la bandiera?

Pronti via e la risposta arriva già dalla finale del doppio…

Un’Italia che vince e convince quella del doppio maschile, che nella finale contro l’ucraino Denys Molchanov e il ceco Zdeněk Kolář, vince dopo tre set. Flavio Coboldi e Jacopo Berrettini (fratello di Matteo) dopo aver perso il primo set (1-6), vincono gli altri due con un ottimo 7-5 e 10-6.

Nel singolare invece, Filippo Agamennone, dopo averlo visto in questi giorni non cedere mai dei set, compreso ieri, dove il 29enne italo-argentino, n.168 del ranking e testa di serie n.3 del torneo pugliese ha superato 7-5 6-2 il francese testa di serie n. 6 Laurent Lokoli, giunge oggi in semifinale contro il fortissimo giapponese Shintaro Mochizuki (n.276 del ranking), che ha conquistato con la sua bravura il pubblico di casa. Purtroppo, una bellissima partita, ben combattuta da entrambe le parti, è stata sospesa causa pioggia, fino a data da destinarsi, anche se purtroppo le dure condizioni meteo e le previsioni non lasciano sperare ad una ripresa abbastanza rapida. Il parziale, al momento della sospensione causa meteo avverso, era 6-4, 5-7, 3-0, con primo set vinto dal Giapponese.

Nell’altra semifinale, l’argentino Santiago Fa Rodriguez Taverna, si impone al rumeno Nicholas David Ionel, senza perdere neanche un set. (6-4, 6-4)

Domani tempo permettendo, la grande finale è attesa, l’argentino Taverna è l’unico finalista certo, e per avere il secondo manca solamente mezzo set che divide il giapponese o l’italiano a una finale tutta da vivere e combattere, perché il montepremi quest’anno è veramente ricco e i due sfidanti non lo lasceranno sfuggire così facilmente.

Savio Rociola

Lascia un commento