Sport

Rush finale del Bari. Breve analisi del calendario e della classifica

Calcoli che lasciano il tempo che trovano, speranze di una piazza che vuole sorridere per il secondo anno di fila. Probabilmente potrebbe non essere più solo un sogno…

Liguri e altoatesini, avversari diretti, da guardare con gli occhi del falco e da non perdere mai di vista.

“Incroci” che potrebbero essere decisivi nell’assegnare le posizioni finali. Si parte dal 10 aprile, quando i biancorossi saranno in campo nello splendido Druso e il Genoa andrà di scena sul campo di un Como momentaneamente fuori dai playoff ma pieno di voglia di riscatto. Il Como nella 33^ giornata sarà ospite al San Nicola, in un weekend che vedrà il Genoa ospitare un Perugia in zona playout e il Sudtirol recarsi da un Ascoli in cerca di tranquillità. Aprile si chiuderà con tre trasferte: Cittadella-Genoa, Bari a Pisa e Sudtirol ospite di un Frosinone primo da mesi ma ultimamente in calo, come dimostrano i due punti ottenuti nelle ultime tre partite. Si gira pagina, e il calendario segna l’arrivo del mese di maggio: pronti, via, il primo del mese al San Nicola arriverà il Cittadella, mentre al Druso sarà sfida tra Sudtirol e Genoa. Fine settimana propizio per il team di Mignani per rosicchiare punti ad almeno una delle due confinanti. Si approda poi al trittico finale: nel secondo fine settimana di maggio ecco Genoa-Ascoli, Modena-Bari e Ternana-Sudtirol.

Sette partite per gioire direttamente o prepararsi ai playoff. Sono quelle che separano il Bari dal termine della regular season nel campionato di Serie B. I biancorossi di Michele Mignani sono terzi con 53 punti dopo 31 turni, un bottino che vale il +1 sul Sudtirol quarto, prossimo avversario nello scontro diretto del Lunedì dell’Angelo, e che con il successo sul Benevento ha permesso di tenere a 6 i punti di distanza dal Genoa, secondo e lanciato verso la promozione diretta.

Ma questi sono solo calcoli, lasciano ovviamente il tempo che trovano. Dei meri calcoli da fare sperando che tutto possa andare per il meglio in favore dei biancorossi. Servirà forza, volontà e anche un piccolo aiuto della dea bendata, auspicando che la piazza barese possa tornare a sorridere per il secondo anno di fila, ed approdare stavolta al gradino più alto del calcio italiano.

Savio Rociola

Lascia un commento