AtleticaCelebrazioniIN EVIDENZARicorrenzeSport

Pietro Mennea sarà sulla moneta d’argento da 10 euro coniata per gli Europei d’Atletica 2024

I campionati in programma a Roma. il leggendario velocista italiano sarà raffigurato con la pettorina 433

di Giuseppe Di Bisceglie

Porterà l’effige del grande Pietro Mennea, la “Freccia del Sud”, la moneta di 10 euro che sarà emessa dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, in occasione dei Campionati Europei di atletica leggera in programma quest’anno a Roma. L’iniziativa è stata ufficializzata lo scorso 30 dicembre con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale a firma del direttore generale del Ministero dell’Economia e delle Finanze. La moneta sarà d’argento con elementi colorati, sarà a bordo liscio, ed avrà le dimensioni di 28 x 43,62 millimetri.
L’immagine impressa nella parte anteriore sarà quella di un campo di atletica leggera con la sua forma ellittica e le corsie; al centro invece sarà riportato il logo ufficiale dei campionati europei di atletica leggera Roma 2024 e la scritta “Repubblica Italiana”. La moneta è firmata dall’autore Emanuele Ferretti.
La rappresentazione di Pietro Mennea, invece, si troverà sul retro: il leggendario velocista italiano sarà raffigurato con la pettorina 433, la stessa indossata quando vinse la medaglia d’oro ai Giochi della XXII Olimpiade; sul pantaloncino sarà impresso il numero 8, lo stesso della corsia sulla quale gareggiò e vinse ai Giochi Olimpici di Mosca 1980. In basso, a destra, “19”72″ a rappresentare il record del mondo dei 200 metri stabilito da Pietro Mennea a Città del Messico nel 1979.
Il valore di 10 euro sarà impresso in basso a sinistra, mentre in alto ci sarà la scritta “Pietro Mennea”, “La Freccia del Sud” e “2024”, anno di emissione della moneta. Le modalità di cessione della moneta saranno stabilite con un provvedimento. L’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.a. consegnerà al Ministero dell’economia e delle finanze due esemplari della moneta da utilizzare per documentazione e partecipazione a mostre.

 

fonte:

Lascia un commento